• RCChess
  • Depositphotos 6897170 m
  • Warcraft   Chess Match by Ghostey
  • Dragon Chess by LillianLai
  • geri
  • 3005989-poster-1280-6-strategy-lessons-former-chess-prodigy-whos-now-ceo
  • chess-pieces-2b

dasett

ost

I benefici degli scacchi

La strategia coniugata alla fantasia, la capacità di valutare più opzioni fino alla gestione della propria impazienza, dell’adrenalina, della sensazione di combattere la propria battaglia dando fondo a tutte le proprie risorse, la capacità di concentrazione e determinazione, l’abilità nella progettazione edesecuzione di una tattica ma anche la capacità di reazione di fronte agli imprevisti. Tutto questo aggiunto al massimo rispetto per l’avversario ma anche a tanta voglia di vincere.

Questo è il menù che un bambino impara, vive, gusta, sente dentro di sè già dalla prima volta che si trova una scacchiera davanti, inizialmente percepita così grande e complessa, con tutti quei pezzi che solo a guardarli tutti .. .. ma poi capace di regalare così tante soddisfazioni e stimoli. Crescere sano, più pronto alle sfide che lo attendono, con una passione che lo potrà accompagnare fino alla senilità, con il freddo o con il caldo, che gli insegnerà come mai nulla è perduto, che ha “trovato una soluzione” in situazioni peggiori, che non ci si abbatte mai e che, con l’impegno, la forza, la determinazione, non ci sono davvero limiti …

FlavioDetto questo, qualcuno penserà: “tutto vero, ma deve essere già un intelligentone con tutti 10 in matematica, che progetta aerei spaziali, insomma un genio in erba …”. Per rispondere a questo basta vedere la foto qui di Flavio, 8 anni, impegnato nientepopodimeno che ai Campionati Italiani di categoria (!), a Courmayeur in Luglio. L’impressione, nettissima, è che si stia “gustando” la sua partita; il cervello in moto ma la faccia da furbetto lasciano trasparire che qualche buona idea in testa ce l’abbia .. non è teso nonostante il grande evento, certo non soffre e comunque alla fine avrà imparato qualcosa sia perdendo che vincendo. Oppure guardate Christian, 12 anni, Seconda Nazionale, con esperienza alle spalle: è l’immagine della concentrazione, comunica pazienza, verrebbe voglia di trasformarsi in una formichina e andare a sentire cosa sta pensando. Con quella faccia, non può perdere. E se dovesse perdere, poverino chi lo incontrerà dopo!!

GUS 5295Molti di noi ricorderanno le proverbiali sfide fra i campionissimi russi, come Karpov e Kasparov, o ancora il giovane americano Bobby Fisher che osò sfidare l’imbattibile scuola dell’Est Europa. Oppure, qualcuno saprà che oggi il più forte è un ragazzo norvegese di 23 anni, griffatissimo e sponsorizzatissimo, che si scontrerà con un indiano per la corona di campione del mondo, o che n italiano è nei primi 3 al mondo. Insomma, stiamo parlando di uno sport (riconosciuto dal CONI) universale, con possibilità di sfida e di crescita infinita, che l’Unione Europea spinge come materia di studio nelle scuole

               Chiudiamo con un commento da Papà, o da Mamma: ma quanto è bello perdere contro i nostri figli? Ma sì, perdere dopo essersi veramente impegnati, cominciando la partita pensando con noi stessi “ma ‘ndo vai, sono sempre tuo padre …”, dando il massimo e poi scoprire, alla fine, che nostro figlio è migliore di noi, che ci sta superando, che il nostro ruolo su questa terra, lasciarla in mani più sicure e migliori, lo stiamo svolgendo proprio bene …

5 per 1000

Vuoi aiutarci a realizzare nuovi fantastici progetti? E' sufficiente inserire il nostro codice fiscale nell’apposito rigo della dichiarazione dei redditi: 97762670582 . 
Grazie :)

Torna in alto

Informativa in adempimento degli obblighi previsti dall'Art. 10 della Direttiva n. 95/46/CE, nonchè a quanto previsto dalla Direttiva 2002/58/CE, come aggiornata dalla Direttiva 2009/136/CE, in materia di Cookie.
Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione, ed altre funzioni. L'utilizzo di questo sito costituisce accettazione implicita all'uso dei cookies sul vostro dispositivo.